Come Diventare un Idraulico

Un’attività artigianale ancora oggi molto ambita da numerosi giovani, visto che consente una buona remunerazione e permette di entrare nel mondo di questa professione cominciando anche con investimenti graduali.

Molte attività di idraulica, anche quelle divenute grandi, hanno spesso cominciato con una singola persona che ha avviato questa attività con una borsa dei ferri e qualche attrezzo specifico, recandosi dai clienti con il proprio mezzo personale.

Spesso, l’ufficio era inizialmente costituito dalla propria abitazione ed il garage per i primi tempi, era il magazzino ed il laboratorio insieme.

L’attività di imprenditore artigiano rispetto a 30 anni od anche meno, pur mantenendo molte delle peculiarità tradizionali, si è allargata a molte zone e segmenti nuovi e richiede pertanto una formazione sempre maggiore e continua.

Diventare idraulico : il mercato.
I lavori di idraulica spaziano dalle abitazioni civili agli immobili industriali, dai piccoli negozi alle ville signorili, per non parlare degli appalti pubblici e di altri segmenti di mercato.

Un buon imprenditore idraulico nel tempo riesce a seguire in contemporanea una quantità notevole di lavori, sia piccoli che grandi, grazie ad uno staff di persone che con vari livelli di competenza operano nella sua ditta.

Diventa quindi importante per un imprenditore artigiano riuscire ad acquisire quelle competenze, non solo tecniche, per gestire al meglio tutte le necessità, ad esempio : dalla valutazione di un software per la ditta, alla gestione dei crediti vantati nei confronti dei vari clienti, per non parlare delle competenze di tipo amministrativo.

Un imprenditore artigiano, oggi, non può limitarsi a delegare in toto alcune funzioni, deve anche disporre di una base, perlomeno minima, di conoscenze che gli permettano di fare delle scelte generali e pianificare la crescita e la gestione della propria azienda.

Un imprenditore idraulico non deve solo seguire i lavori dal punto di vista tecnico ma deve anche gestire tutte le altre fasi
la riscossione dei crediti
i problemi legati alla sicurezza del lavoro
gli eventi, non sempre positivi, non previsti
i rapporti con i dipendenti ed anche quelli con i colleghi ed i competitor
le relazioni con i clienti e coloro che ‘forniscono’ il lavoro (amministratori di condominio, costruttori edili, progettisti, ecc.);
rapportarsi con il proprio commercialista (deve riuscire a dialogare con il fiscalista e pianificare insieme a lui gli eventuali acquisti, la gestione dell’impresa sotto l’aspetto fiscale, ecc.);

Aprire un’impresa idraulica. La crescita continua.
Fare l’imprenditore, anche in un settore tradizionale come questo, richiede la capacità di evolversi continuamente ed essere disponibili a rimettersi in discussione, formandosi ed adeguandosi ai cambiamenti continui, guardando anche a quei segmenti che potrebbero crescere più di altri ed offrire delle opportunità maggiori in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *